mercoledì 12 gennaio 2011

politically uncorrect -- parliamo di colf

lo so che è brutto generalizzare, ma ho l'impressione che le colf, come categoria, abbiano delle velleità da architetti/arredatori.
è una convinzione che ho maturato nel corso degli anni, da quando da bambina avevamo una tizia in casa che ogni tanto faceva fuori vasi e soprammobili e alle lamentele di mia madre rispondeva che erano brutti e poi tornava con delle oscenità in plexiglass per sostituire i ninnoli mancanti; da quando appena andata a vivere col MaritoZen, la sua colf di lunga data faceva sparire le mie foto incorniciate e le ritrovavo a testa in giù sull'ultimo piano della libreria, dietro una fila di libri e quando le dicevo come volevo che stirasse le camicie mi rispondeva che lei lo sapeva meglio di me come l'allora mio compagno voleva le camicie (chiaro che la tipa ha avuto vita breve in casa nostra, che non era tanto questione di arredamento...); da quando, visti i propositi d'inizio anno, ho deciso di provare a far fare le pulizie a una ragazza e mi sono ritrovata:
  • con un armadio inaccessibile, causa settimino piazzato davanti alle ante
  • con cassettone dei maglioni, solitamente posizionato in pole position sotto al letto, spinto dalla parte del muro e inaccessibile previo trasloco di letto in ferro battuto del peso di 8 quintali
  • alle prese con la sparizione di una pelle di daino situata in cucina e rinvenuta dietro il water
  • impossibilitata ad aprire/chiudere le finestre della cucina causa sbarramento a opera di un mobile che solitamente sparisce nell'imbotte delle stesse e invece campeggiava al centro della cucina
  • col bagno inzaccherato dopo la prima lavata di mani di momo, causa sparizione del tappeto del bagno solitamente sotto al lavandino, proprio per preservare il pavimento dall'inevitabile
  • impossibilitata ad accedere all'armadio di momo, causa cassettone giocattoli apparso proprio davanti alle ante (è un vizio)
  • nel dubbio amletico sull'identità di oggetti metallici rinvenuti sul fasciatoio di momo, grazie al cielo prima di avercelo disteso
  • costretta a spostare il divano che impediva l'agevole accesso in casa
  • alla ricerca dei giocattoli di momo scomparsi 
  • a dover buttare del didò indurito perché la busta dentro il quale era riposto era stata aperta per metterci dentro animaletti e pezzi della fattoria
tutto questo mi ha impegnato a più riprese per almeno un'ora.
ma è normale?
comunque avrei anche sopportato, se non avessi trovato quello che ho trovato:
le mie scarpe nella scarpiera!!!
cioè quelle che io ho generalmente sui mobili erano state messe a posto.
ma dico, come ti viene in mente???

28 commenti:

pollywantsacracker ha detto...

ah ah, sei mitica!
invece io noto che le colf dell'ufficio, oltre spesso a incasinare le varie stanze allo scopo di pulire meglio (???), hanno il terrore degli oggetti tecnologici tipo il pc, che non sfiorano neanche con il piumino. tutte quelle che proviamo, stessa cosa. bah.

Piccolalory ha detto...

Terribile la colf di Maritozen!
Qui siamo più fortunati (o no? In fondo i traslochi sembrano sinonimo di pulizie accurate!)... ma confermo il disastro/miscuglio di giocattoli :-)

mami ha detto...

Ma sai che me lo chiedevo anche io??? io sono 5 mesi che faccio venire la zia di una mia carissima amica a farmi un po' di pulizie. L'idea era di farla venire ancora per qualche mese, ma durante le vacanze di Natale mi sono resa conto che in 3 ore da sola...non fa molto...in più mi trovo sempre roba spostata, fasciatoio girato...inizialmente pensavo che facesse così per farmi vedere che sposta e che pulisce...dopo la tua versione...non saprei...magari è un marchio di fabbrica!!! Baci! Vale

Trasparelena ha detto...

La ragazza che viene da me non sposta i mobili, cioè sposta il divano per pulire sotto, ma poi lo rimette a posto.
Io comincio a pensare che sia bionica: in 3 ore (ma forse pure meno) lava tutti i pavimenti di casa e pure i balconi (e in tutto sono circa 113mq, ok che è ceramica però aspira e lava) pulisce i 2 bagni, il piano cottura della cucina e mi stira pure (e bene!!) il bucato della settimana, tranne le lenzuola.
Io però la casa la sera prima la preparo, raccattando dal pavimento tutti i giochi della BambinaGrande... se qualcosa resta in giro me lo trovo sul tavolo più vicino al ritrovamento :-)

Certo che metter le scarpe nella scarpiera è un grave affronto :-D

Chiara ha detto...

Oddio tremo... noi da un po' abbiamo deciso di cercare una signora che mi dia una mano con le pulizie, ma se questa è la prospettiva... Magari le chiedo di stirare e basta, meglio no? Grazie per la dritta!!

Ondaluna ha detto...

IO ho una lunga storia su questo argomento.
Sono romai anni che faccio il disperato tentativo di prendere qualcuno che mi dia una mano in casa, e da quasi un decennio la storia si ripete: qualcuno arriva, mi guarda in faccia, capisce con chi ha a che fare, e dopo poco tempo finisce col venire a casa mia per schiavizzarmi, ordinandomi cosa e come pulire, e quali detersivi (o altro) comprare.
Mi ritrovo più stanca di quando faccio da sola.
Ha fatto eccezione unica il periodo in cui ero incinta, e poi allattavo, in cui ho smesso di "collaborare", al prezzo di pagare a vuoto una persona che non faceva praticamente nulla.
Mi piace pensarla come buona azione durata due anni.
Al momento sono disperata perché faccio da sola, ma quando riesco ho la casa pulita, più spesso di prima.

rocciajubba ha detto...

Ecco perchè io invece...schiavizzo mio marito.
C'è da star dietro pure a lui ma almeno non lo pago, non sposta le cose e soprattutto...non oserebbe MAI toccare le mie scarpe!

Nuvole ha detto...

a me tutta 'sta intraprendenza non sembra tanto normale! eppure ho una discreta esperienza di colf più o meno pazzoidi...
che dire, come il Vero Amore, pure la Brava Colf arriva quando meno te l'aspetti e richiede pazienza e compromessi...
dai!

Aliceelamamma ha detto...

non ho capito la storia delle scarpe... ma tu le tieni sui mobili? comunque anche la signora che viene da me ogni settimana mi sposta delle cose per pulire meglio e poi la sera impiego mezz'ora a risistemare... comunque non mi stravolge l'arredamento :-)

Antonella ha detto...

qui di donne delle pulizie non se ne vedono, ma qualche volta passa mia madre... ed è anche peggio! Si chiama Silvan...a, ha il dono di far scomparire le cose e poi se le perde, scordandosi dove le ha messe! Mio marito impazzisce quando lei si ferma da noi per qualche giorno!

bismama 2.0 ha detto...

No cioè, il resto passi. Io l'avrei lanciata anche solo per aver TOCCATO le mie scarpe....
Insomma, lo sanno tutti: le scarpe e le mutande non si toccano!!

LOL

bismama 2.0 ha detto...

P.s....la mia invece è fichissima! Pulisce moltissimo e bene. Un unico neo...te lo spiegherò a breve :D

Mamma Cattiva ha detto...

Cavolo, no, non è per niente normale, come non sarebbe normale che una centralinista mandasse al diavolo chi chiama in un'azienda. La colf è un mestiere, retribuito, e quindi va chiesto quello che ci aspettiamo.
Sento spesso lamentarsi delle colf, anche io l'ho spesso fatto ma poi alla domanda chiave "Ma tu hai detto come vuoi che vengano fatte le cose?" (che mi hanno fatto anche a me) quasi tutti balbettiamo un insicuro "ma...forse...però...infondo non è grave" Anche no! Se decidiamo di delegare per fare altro bisogna dare istruzioni, esattamente come fanno i nostri capi con noi, senza neanche troppi peli sulla lingua, o no? ;)

Mamma Cattiva ha detto...

Grazie Caia che mi hai permesso di sfogarmi qui sul mio capo ahahhahha!

caia coconi ha detto...

@mammacattiva, no no no, io sono veramente una rompi. io dico esattamente come voglio le cose, figurati... finora non ce l'avevo proprio perche' non credo che qualcuno possa fare meglio di me, figurati se non mi metto a dire tutto nei minimi dettagli :D poi solo a spiegarle tutte le dosi dei detersivi faidate eco, le varie tecniche, insomma, un'ora è andata via così.
a parte gli scherzi quello e' un errore che per esempio fa mia amdre che pretende che una le legga nel pensiero.
no no. io questa storia non ho avuto il tempo di dirgliela perche' me ne sono accorta quando e' andata via.
e dopo averle dato indicazioni, le ho pure detto: sono di là se hai bisogno chiamami, non mi disturbi, chiedimi TUTTO. tipo il daino, se non sai con cosa pulire il bagno chiedimelo, no? che acchiappi la cosa della cucina???!?!?!?

ne deduco che se fossi il tuo capo mi taglieresti le ruote della macchina :D

caia coconi ha detto...

@bismama sono proprio curiosa ;)

@anto Silvan...a è troppo forte!!! :D

@alice alcune scarpe io le uso come soprammobili!

caia coconi ha detto...

@nuvole attenderò la BC con ansia...

@roccia questa opzione non compare! :D

@onda io ho deciso che DEVO trovarla, ne proverò 20, ma da sola basta, non ce la faccio più. ti ricordi quello che dicevamo stamattina?

Lara ha detto...

Premetto che, sicuramente con questo commento non risulterò proprio simpatica.
Mi è chiaro che quello che scrivi in questo post sia di natura ironica... spero quindi perdonerai questo mio piccolo sfogo:
Lavoro in un'asilo che tiene principalmente i figli delle colf e vedo l'altra faccia della medaglia: donne costrette a lasciare il proprio figlio di 10 mesi dalle 7,30 del mattino alle 17 del pomeriggio perchè .. la Signora da cui lavora ha bisogno di lei tutto il tempo e non la lascia uscire un'ora prima per partecipare alla festa di Natale dell'asilo o per andare dal pediatra. Mamme che pur di poter lavorare accettano di attraversare la città in bus, per avere un posto dove lasciare il bimbo (io non credo lo farei), Donne che non vengono messe in regola, o che vengono messe in regola ma si pagano di tasca loro tutti i contributi( anche quelli a carico del datore di lavoro). E' vero ci sono colf che se ne approfittano e di solito capitano sempre alle persone oneste che rispettano il loro lavoro, ma ci sono anche molte donne, madri, che vengono sfruttate con leggerezza e a volte con cattiveria. Io passo la giornata con i bimbi di queste donne e spesso mi capita di raccogliere le loro fatiche quotidiane, quindi spero mi perdonerai e capirai perchè questo argomento abbia toccato un "nervo scoperto"

diana ha detto...

la mia colf...è una vera santa...dotata di geni bionici!!
io a volte quando torno e vedo tutto così pulito ed in ordine mi commuovo peccato duri così poco!!!

Anonimo ha detto...

La mia l'ho mandata a casa: non solo si era "impossessata" della casa a modo suo, ma col cavolo che spostava i mobili!! Ma ha ragione mamma cattiva io spesso lascio correre, ma è un errore, meglio spiegarsi bene.
vistodalei.splinder.com

caia coconi ha detto...

@chiara no, io ho intenzione di farle fare anche le pulizie. ho bisogno di aiuto, non mi voglio accontentare. poi tra le due cose se proprio devo rinunciare io preferisco stirare... o no? boh, no, basta mi sono decisa e adesso non mi va più di fare niente!!!
:D

@trasp io credo che anche lei sia abbastanza bionica che in effetti io quei mobili non li avevo spostati mai che son troppo pesanti :D

caia coconi ha detto...

@mami boh? forse vuole solo che glielo faccia notare... in effetti come dice mammacattiva bisogna dare istruzioni precise e io non le avevo detto: LASCIA TUTTO DOVE LO TROVI ahahha
@piccolalory no quella lì era una pazza veramente. secondo me siccome faceva la colf per lui quando era scapolo si era prese delle libertà che la facevano sentire un po' la donna che gli gestiva le cose, e lui non apriva mai bocca che secondo me manco lo notava se la camicia aveva la riga sulla manica o no, poi sono arrivata io e si è sentita il territorio minacciato... e le stavo un po' sulle ... ;)

caia coconi ha detto...

@polly siiiiiii è vero anche quand'ero in redazione tastiera e schermo me li pulivo da sola che sembra che avevano paura di sfiorarli :D

caia coconi ha detto...

@lara no, va be' se uno pensa alle situazioni singole è un altro discorso, perché ci sono molte persone sfruttate. però premettendo, come ho fatto nel post, che le generalizzazioni son brutte e sbagliate, anche al contrario non sono positive. cioè dire che le colf son tutte poverine, sfruttate e maltrattate non è giusto. io ne conosco molte che hanno una vita normale, uno stipendio normale, una posizione inps, contributi, maternità etc etc.
anche una mia amica che lavora in banca e fa la dirigente "è costretta" a portare il bimbo da quando aveva 6 mesi alla'asilo. e da quando ne aveva 11 dalle 7,30 alle 18. e poi lo va a prendere la tata.
poi io sono abituata a vedere le persone come esseri umani unici, guardo chiunque in faccia e mi rapporto mettendomi in ascolto empatico. sia che sia una colf, che un salumiere, che un medico. come dice mammacattiva nel momento in cui io sono il datore di lavoro e ti pago, mi aspetto che tu faccia quello che ti chiedo e che mi risolva un problema. e io in questo sono molto chiara, poi se tu ci tieni al lavoro mi vieni incontro, se no evidentemente tutto questo bisogno di lavorare non ce l'hai. che stiamo parlando di richieste normali, mica irrispettose verso la persona.

poi va be' capisco che avendo a che fare tutti i giorni con delle situazioni difficili tu sia particolarmente suscettibile e hai ragione. ma in effetti era il mio post a partire da un punto di vista generalizzante che è sbagliato fare. ;)

caia coconi ha detto...

@diana me la presenti? :D

@vistodalei no, va be' prima di mandarla via le dirò queste cose, anche perché poi la casa era pulita, magari come primo giorno voleva fare bella impressione e farmi vedere che spostava tutto. ora le parlo e vediamo se è come penso ;)
cmq per le scarpe alla prossima le trancio le mani :D

Vita di mamma ha detto...

Io sono cosí grata alla ragazza che da circa 3 mesi viene ad aiutarmi a casa che queste cose manco le noto. Poi, diciamoci la veritá, loro non abitano nelle nostre case, al giorno magari puliscono 2 o 3 case, mica si ricordano se il cassettone sta vicino al muro o no, se il libro era qui o lí, se i giocattoli devono essere sistemati cosí o colá. Basta che pulisce a fondo, non rompe niente (ma puó succedere)sono giá contenta. E poi qualsiasi cosa le chiedo di pulire lei pulisce con una cura maniacale. É la mia salvezza. Oggi peró mi ha chiamato, non si sentiva bene e mi ha detto che non poteva passare a casa. Dovró stirare io nel fine settimana ed io odio stirare :)
Tina

monica ha detto...

.... poi se tu ci tieni al lavoro mi vieni incontro, se no evidentemente tutto questo bisogno di lavorare non ce l'hai...

hahaha!!! eh però sembri MARCHIONNE.... povera Signora, era il Suo primo giorno. Il PagoDunquePretendo con calma dai :)
(con simpatia, of course)

caia coconi ha detto...

@monica nooooooo daiiiiiiiiii marchionne noooooooo
cmq risponderei alla berlusconi: hai decontestualizzato: ho anche detto che non le ho ancora detto niente perché me ne sono accorta quando è uscita, quindi le concedo il beneficio del primo giorno ;)

@tina mi dispiace per il week-end! io preferisco stirare dopo cena un'oretta chiacchierando col marito piuttosto che ipotecare il week-end. poi stirare... uffffffffffffff